davidecrociatidibellaria
davidecrociatidibellaria

 

RIFLESSIONI E COMMENTI 1

( Dal 17-11-2020

3 Marzo 2021

 

Censure in atto

 

Sui vaccini stanno censurando dei video che tutti dovrebbero ascoltare, per poter poi giudicare in autonomia. Altro che "controinformazione", oggi parolina utile per tutti gli usi...

17 Febbraio 2021

 

Speriamo che assecondare questo governo non significhi rimangiarsi tutti i buoni propositi in nome di una globalizzazione ammantata di nuovo illusionismo. Tanto per cominciare, qual è il reale rapporto fra Draghi e le multinazionali?...

                                                                                     (DaCr)

12 Febbraio 2021

 

FATECI VOTARE !

 

Chilometri di maratone televisive, attese spasmodiche, pallidi riflessi in fondo al tunnel che sembravano quasi lucine di speranza (non ho detto Speranza), per arrivare a che cosa?...............

 

                                                                              DaCr

9 Febbraio 2021

 

Chi pensava a un Salvini estremista o venduto al nemico ha trovato oggi una robusta smentita. Fermo restando che una Meloni a debita distanza appare quanto mai opportuna. 

                                                                          (DaCr)

7 Febbraio 2021

 

Considerando la vanità femminile desta un certo scalpore vedere diverse conduttrici (Mediaet / Rai) indossare lo stesso tipo di abito...

 

                                                                       (DaCr)  

5 Febbario 2021

 

Spero che Draghi non venga utilizzato per farci digerire qualche altro rospo e per disunire il centrodestra, in vista dell'appuntamento del 2022 e delle  "pericolose" elezioni del 2023...   C'è da augurarsi che Salvini dentro e la Meloni fuori possano controllare la situazione.    (DaCr)

3 Febbraio 2021

 

Ormai gli unici senza museruola sono i cani...

26 Gennaio 2021

 

Potrei sbagliare e non so come, ma non mi risulta che su Rai1 e su La7, nell'ambito delle chilometriche maratone televisive in cui le telecamere inquadravano anche le mosche che ronzavano, abbiano fatto ascoltare le dichiarazioni del centrodestra: chiacchiere in studio (a non finire), le dichiarazioni di Crimi (M5S), in ultimo quelle di Mattarella... ma per Salvini, Meloni e Tajani solo l'invisibilità! Questo "messaggio" descrive nitidamente la crisi profonda di una sinistra tenuta in piedi solo grazie all'europa dei poteri transnazionali, ma (in realtà) non voluta dalla maggioranza della gente. Siamo quindi entrati in una vera fase dittatoriale? Pare siano le stesse tv mainstream a dircelo.

Staremo a vedere...

                                                                             (DaCr)

29 Gennaio 2021

 

Potrei sbagliare e non so come, ma non mi risulta che su Rai1 e su La7 abbiano fatto ascoltare le dichiarazioni del centrodestra: chiacchiere in studio (a non finire), le dichiarazioni di Crimi (M5S), in ultimo quelle di Mattarella... ma per Salvini, Meloni e Tajani solo l'invisibilità ! Questo "messaggio" potrebbe rappresentare il reale fallimento di una sinistra tenuta in piedi solo grazie all'europa dei poteri forti transnazionali, ma (in realtà) non voluta dalla maggioranza della gente. Siamo quindi entrati in una vera fase dittatoriale. Sono le tv mainstream a dircelo, a chiare lettere.

                                                                                (DaCr)

25 Gennaio 2021

 

Risposta a un'amica

 

Il quesito me lo sono posto io stesso in "Montessoneria", ci mancherebbe altro. Ho subito aggiunto che non occorre accedere a fonti particolari per doversi rendere conto che le cose qui non vanno, per non dire che vanno malissimo. Quello di "Epiphanius" non è certo l'unico testo che tratta di "determinati argomenti" (non è stato neppure il primo che ho letto e in ogni caso ha comportato un grosso lavoro di ricerca su tanti siti), e basta guardare il programma di Rai-1 "Unomattina in famiglia" per potersi rendere conto di quanta simbologia massonica ci sia nella scenografia (addirittura sfacciata!). Lo ricordo, sulla Rete ammiraglia della Tv pubblica, per la quale paghiamo il canone! Siccome quelli "mi conoscono" mi hanno inviato persino un messaggio mediatico attraverso le parole del dott. Sabatini, noto linguista dell'Accademia della Crusca: "Se la massoneria ti prende di piatto può farti male, ma se ti prende di punta...". Lascio a te dedurre cosa volesse significare... Se qualcuno scrive in anonimato per salvaguardare la propria vita, la propria carriera o semplicemente la propria reputazione ci sono invece storici di primo livello che non lasciano spazio a troppi dubbi sul fatto che la storia non l'hanno scritta i governi, né i dittatori più feroci, ma chi stava loro dietro. Ora sto analizzando una trilogia della Perucchietti su "Le origini oscure della musica" ed "Epiphanius" iene citato più volte. La Perucchietti è una giornalista molto seria e nel suo ultimo libro (che ho letto) "Fake News" c'è la presentazione/introduzione di due giornalisti di grande rilievo: Marcello Foa e Marcello Veneziani. Nulla di nascosto, quindi, e, come ho detto, nella "trilogia" le tematiche di Epiphanius emergono spesso e in maniera sorprendente! Per di più, non dimentichiamo Ettore Gotti Tedeschi, già direttore dello IOR per volontà di Benedetto XVI ed estromesso insieme a quest'ultimo nel momento in cui cercavano insieme di creare una solida rete di protezione attorno all'Istituto per le opere di bene: nel suo "Contro il politicamente corretto", scritto a quattro mani con Enzo Pennetta (altro autore che ti consiglio di considerare), tratta anche la questione dell'arte contemporanea (compresa quella musicale, sotto vari aspetti: classica, jazz, pop, ecc.). Per rincarare la dose, di recente ho trovato un video in cui Michael Jackson denunciava un sistema perverso, da lui definito addirittura "satanico", poco prima che lo trovassero morto in circostanze misteriose, così come è capitato a moltissimi giovani esponenti del rock e del pop (la storia ne è piena, e se qualcuno cerca di inanellare tutti questi fatti secondo me fa semplicemente un importante - e doveroso! - lavoro di investigazione). Il fatto è che l'ideologia "progressista", oggi con tratti sfacciatamente liberisti (altro che la sinistra di Berlinguer!), ha preso il sopravvento al punto tale da poter declassificare documenti sconvolgenti, come quelli relativi al rapporto tra psicologi/psichiatri drogati e perversi, servizi segreti inglesi e americani (la famigerata CIA, che a quanto pare ha avuto un ruolo determinante anche nel rapimento e nell'uccisione di Aldo Moro, come ha denunciato la stessa famiglia dello statista, che prima della tragedia di via Mario Fani aveva ricevuto una telefonata minacciosa di Henry Kissinger e sappiamo bene quale personaggio esso rappresenti nello scenario internazionale da molti anni a questa parte, vedi Bilderberg, Trilaterale e via dicendo...). Così, i veri "complottisti" sono costituiti da quelle poche famiglie ricchissime, quelle famose 300 persone ben collegate tra loro (si conoscono tutti) cui ha fatto cenno lo stesso Bergoglio (che pure io non amo...)! La questione centrale e vecchia quasi come il mondo da quando esiste un pensiero minimamente evoluto è la contrapposizione tra il pensiero gnostico e quello religioso-monoteista. Ritengo addirittura sciocco non riuscire a cogliere questo scontro filosofico-religioso poiché emerge in ogni dettaglio di questa nostra società malata. Chiaramente malata. La storia del "progressismo" (oggi si chiama così), che non significa "progresso", è quella della genetica (o per meglio dire dell'eugenetica), della nanotecnologia (pensa quanti danni potranno fare, ora, con simili mezzi!) e della robotica. Ed è quello del naturalismo, dell'ecologia utilizzata come "cavallo di troia" per entrare in modo strisciante all'interno degli stati scavalcandone i confini, per poi insediarvisi sotto forma di associazioni, ecc., e minarne le fondamenta). Non deve invece meravigliare il fatto che qualcuno da tempo abbia cominciato a reagire denunciando tutto questo marcio e ben altro ancora. Perché non dovrebbe? Certo qualcun altro può chiedersi come mai non si reagisca in modo drastico contro queste poche centinaia di famiglie mafiose d'alto rango... Il fatto è che il sistema è "a piramide": in ogni suo strato, giù a scendere, c'è sempre tanta gente che ci guadagna. La costruzione è solidissima! Non si curano neanche più di nascondere le loro malefatte, che ormai sono sotto gli occhi di tutti. Il loro è un vero e proprio linguaggio che bisogna solo imparare a conoscere... Il discorso è lungo, molto lungo, ed Epiphanius non è altro che uno staff di storici, economisti, psichiatri, criminologi, intenditori di arte e quant'altro, che usa le stesse armi della massoneria internazionale, la quale sa bene quanto sia più efficace lavorare nell'ombra... Credo che il conto torni abbastanza, no?... 

 

                                                                           DaCr

23 Gennaio 2021

 

Lettera aperta a una persona a cui tengo molto

 

Non è che non lo capisca. D'accordo. Detto questo, non sottovalutarti in maniera esagerata. Gli uomini sono abbastanza cretini di natura, si sa, e spesso si lasciano intimidire dalle donne con cervello. Inoltre sono vittime di un cambio radicale di paradigma: da quando hanno appeso “arco e frecce” al chiodo si sentono defraudati di quelle che pensavano fossero loro prerogative. Oggi sono spaesati e frustrati, spesso avviliti e scoraggiati. Ormai il Re è nudo e le prime a rendersene conto sono proprio le donne, sempre più irridenti verso l'ex “sesso forte”. Così donne e uomini sono entrati in un gioco infernale che non prevede vincitori.

Ogni tanto mi piace catapultarmi con l'immaginazione in una realtà atemporale, dove non esistono né passato né futuro, dove tutto semplicemente è, dove non ha senso dire “è stato” o “sarà”. Parlo di una condizione che chi ha vissuto una NDE (near death experience) ben conosce. Immaginare questa “realtà superiore” aiuta a farsi un'idea assai più ampia delle cose: quello che succede oggi non rappresenta la fine di tutto, o di ciò che può farci stare bene, o meglio, poiché invece rappresenta soltanto un tassello di un quadro assai più ampio, ricco di luci e ombre. Una realtà fatta di conclusioni e rinascite.

 

Si definisce oasi un'area di vegetazione isolata in un deserto, che di solito circonda una sorgente o una simile fonte d'acqua naturale. Una cosa ben diversa da un “postribolo” per gente scombinata come me e te...

 

                                                                                               DaCr

22 Gennaio 2021

 

Chi sono o "costruttori" ? ...

E i "RESPONSABILI" ? ...

17 Gennaio 2021

.

« LASCIATI GUIDARE ! ... »

15 Gennaio 2021

 

MATTEO e MATTEO

 

In fondo, riguardo al M5S e "compagni di Bibbiano", Matteo Renzi è arrivato alle stesse conclusioni di Matteo Salvini (il mondo è piccolo): all'inizio una speranzosa fiducia, alla fine una profonda delusione: il denominatore comune è l'inconcludenza degli (ex) alleati...

13 Genaio 2021

 

IL LINGUAGGIO DEL CORPO (2)

 

E questi dicono che chi ha dubbi sul vaccino è debole, infantile e privo di cultura? Ma le vedete le smorfie rabbiose, velate d'ingenuità?... Forse dovremmo credere più a loro che a Luc Montagnier (a proposito di scienza, anzi, di Scienza)? Non è certo un caso che personcine di questa fatta stiano cercando di denigrare ANCHE il noto Premio Nobel per la Medicina... Come avrei voluto essere lì da libero cittadino, per poter dire la mia con la dovuta ENERGIA!! Vi assicuro.   (DaCr)

12 Gennaio 2021

 

Il partito del pensiero unico e del politicamente corretto potrà fare ancora molti, molti danni e forse molti morti. Ma che fallirà lo si può già capire.   (DaCr)

 

« NON GUIDARE, LASCIATI GUIDARE ! ... »

-------------------------------------------------

 

Luc Montagnier, premio Nobel per la Medicina

IL LINGUAGGIO DEL CORPO (1)

 

E questi dicono che chi ha dubbi sul vaccino è debole, infantile e privo di cultura? Ma le vedete le smorfie rabbiose, velate d'ingenuità?... Forse dovremmo credere più a loro che a Luc Montagnier (a proposito di scienza, anzi, di Scienza)? Non è certo un caso che personcine di questa fatta stiano cercando di denigrare ANCHE il noto Premio Nobel per la Medicina... Come avrei voluto essere lì da libero cittadino, per poter dire la mia con la dovuta ENERGIA!! Vi assicuro.   (DaCr)

-------------------------------------------------

 

 

Luc Montagnier, premio Nobel per la Medicina

 

10 Gennaio 2021

 

Eccola la manovalanza (più o meno) inconsapevole dei "poteri forti", ossia dei mega coglioni del pianeta (riducendo ai minimi termini rimane il "coglioni"). Magari, forse, un po' "assassini".

Vale citare una frase di Tiziano Terzani: « Il potere ti corrompe, il potere ti fagocita, il potere ti tira dentro di sé »  (DaCr)

Da IlGiornale.it - cronache    (05-06-2015)

Lapsus di Jovanotti in ateneo: "Io a quel summit segreto per fissare le sorti del mondo"

Il cantante racconta di esser stato invitato a un summit blindato assieme al Capo della Banca mondiale: "Le decisioni non le prende più la politica"

Jovanotti, durante l'incontro organizzato dall'università di Firenze, non ha parlato solo di Jobs act.

Quello che i media non hanno fino ad ora notato è che il cantante ha raccontato anche di un incontro a cui ha partecipato l'anno scorso: 

"Mi è successa una cosa l'altr'anno: sono stato invitato a un summit segr... ehm, privato, molto esclusivo ed organizzato da un'azienda molto importante di Internet".

A questa riunione, prosegue Jovanotti, "erano state invitate le 80 persone più importanti del pianeta per quanto riguarda il futuro". Quello a cui ha partecipato Jovanotti era un "evento off the records", a porte chiuse. Ovvero blindatissimo, come sottolinea lo stesso cantante. "La cosa interessante di questo incontro è che c'erano premi Nobel, Ceo, amministratori delegate di case farmaceutiche, tecnologiche, femministe, ma non c'era un politico. C'era il capo della banca mondiale". Perché non c'erano i politici? "Perché non servono. Le cose non si decidono più a livello politico". "La politica - prosegue Jovanotti - amministra questa situazione, ma le decisioni non le prende più la politica".

 

E fa persino un po' sorridere quando Jovanotti cita un verso di una sua canzone - "è il tecnocrate di turno quello che ci fotte" - ma non si accorge che, molto probabilmente, l'incontro a cui ha partecipato era proprio un incontro di tecnocrati.

Incuriositi da queste sue affermazioni, abbiamo provato a contattare Jovanotti, per avere maggiori delucidazioni, ma, purtroppo, questa opportunità non ci è stata concessa.

4 Gennaio 2021

 

Hanno restituito un senso al mondo che li ha ospitati: Falcone temeva di poter morire, Borsellino SAPEVA di dover morire. Le parti avrebbero potuto invertirsi. (DaCr)

«Da Mannheim, Borsellino torna a Roma, per reinterrogare Leonardo Messina, il pentito di San Cataldo, che sa tutto sulla mafia nissena, che aprirà uno squarcio di luce sulle trame segrete della massoneria, in combutta con la mafia e l'alta finanza dei riciclatori» (pag. 165 del libro "L'AGENDA ROSSA DI PAOLO BORSELLINO")

26 Dicembre 2020

 

A "Uno mattina in famiglia" (Rai 1) il solito scienziato vestito di rosso vorrebbe abolire il Natale. Quando si dice il fabianesimo...  (DaCr)

23 Dicembre 2020

 

Coloro che semplicemente leggono i fatti così come accadono; coloro che vengono sprezzantemente definiti "complottisti" dai servi del potere mondialista (sempre più visibile sotto varie forme); sanno che verrà il tempo in cui tutto diventerà ancora più chiaro. Ma, quando quel tempo sarà arrivato, chi si sarà prostrato di fronte ai ricconi del pianeta proverà a rovesciare la frittata a proprio vantaggio, fregandosene della "memoria" di tutti. E il buonismo diventerà cattivismo (il rovescio della medaglia). Quello sarà il culmine della meschinità umana...

                                                                                     (DaCr)

 

URL di un Video di Alessandro Meluzzi:

https://youtu.be/Cyv-SW2Ewzs

16 Dicembre 2020

 

A  PROPOSITO  DI  "COMPLOTTISTI" ...

 

« (...) Il sospetto che fa nascere il progetto di Great reset è duplice. Il primo si riferisce al sogno del capitalista "nudo", cioè "standardizzarsi" per controllare il mercato. Ciò diventa possibile grazie al Covid che, creando una serie di paure (di morire, impoverirsi) giustifica e fa accettare ogni soluzione e accelera le implementazioni. Il secondo, e conseguente sospetto, è che con questo Reset si stia concependo un nuovo sistema capitalistico occidentale per contrastare quello orientale, trasformando il capitalismo liberista occidentale (precedente) in capitalismo dirigista socialista, in grado di contrapporsi a quello cinese totalitario e vincente su quello democratico, in un momento come quello attuale di crisi economico-finanziaria, sociale, sanitaria, politica, eccetera. Perché appunto è autoritario. (...) ...chi ha realizzato questo nuovo reset con la scusa di voler realizzare una solidarietà distributiva, altruistica, concepita dai nuovi benefattori dell'umanità, sta probabilmente concependo, con una astuta manovra, la strategia di adattamento del capitalismo al modello necessario in questi tempi. Certo, per convincere tutti aveva bisogno di un "rating etico" , di una legittimazione morale da parte della massima autorità morale al mondo. E con il Covid è più facilmente imponibile, senza discussioni e senza più eccessive riserve morali.»

 

(Da un articolo di Ettore Gotti Tedeschi, su LaVerità del 15-12-2020)

13 Dicembre 2020

 

UNO MATTINA IN “FAMIGLIA”

 

Spero abbiate notato che al termine della rubrica di “Uno mattina in famiglia” dedicata alla lingua italiana, tenuta dal dottor Sabatini (cognome di origine ebraica), da un po' di tempo si recita sempre lo stesso copione: quando Sabatini inizia a lamentarsi del fatto che in Italia si usano troppi termini inglesi, la conduttrice Monica Setta (anche lei di origine ebraica) lo interrompe ostentando una certa irritazione. Perché il Tg1 incombe e, come tutti sappiamo, il tempo è tiranno! Soprattutto in televisione. Ma il fatto che questa scena si stia ripetendo in modo sistematico è tutt'altro che casuale: intervistato e intervistatrice sono semplicemente due attori della stessa commedia. Come del resto non è casuale la scacchiera con sopra re e regina: ovvio il riferimento al pavimento massonico e alle due colonne che ne rafforzano il significato simbolico. Già avevo accennato ai “colori arcobaleno” che qua e là strizzano l'occhio al telespettatore nel corso dell'intera trasmissione, ed è scontato il riferimento ai “sette cieli gnostici” e ai relativi significati. Per non parlare delle geometrie tipicamente massoniche e della “grande mela” di colore rosso.

Massima solidarietà per tutti gli ebrei “normali” che hanno perso la vita o altro nei campi di concentramento nazisti e a causa delle persecuzioni che hanno subito un po' ovunque. Ovviamente!

  

                                                                                 (DaCr)

 

Notare anche i tavolini a tre gambe: spiritismo, teosofia, ...

                                                                                      5 Novembre 2019

 

Oltre la rotonda

 

Io dico sempre che non si può fare a meno delle regole, ma ogni volta mi affretto a precisare che qualsiasi regola ha una sua evoluzione, o almeno così dovrebbe essere. Per spiegarmi meglio trasferisco la questione sul piano della circolazione stradale e faccio l'esempio dell'incrocio pericoloso in prossimità del quale, spesso ma è sempre meno vero, vediamo comparire il classico totem a tre luci color verde giallo e rosso. Allora sappiamo come comportarci e chi trasgredisce viene giustamente sanzionato (con tutte le fortuite eccezioni del caso). Ebbene, nel passaggio dal semaforo alla rotonda le regole da rispettare sono mutate, si sono fatte “più fluide” e stando alle statistiche sono diminuiti gli incidenti. Sappiamo altresì che in prossimità di una rotonda sarebbe pura follia poiché impossibile mantenere lo stesso comportamento che il rigido palo a tre luci impone.

Anche la costruzione musicale richiede che vengano applicate numerose regole, che tuttavia nel tempo si dischiudono a più ampie possibilità concedendo al compositore un maggior margine creativo. Infatti, se i musicisti di una volta dovevano fare i conti con il rigore imposto dai canoni estetici del loro tempo il modo di affrontare “gli incroci” è via via cambiato, attraverso vari passaggi le tecniche compositive si sono evolute fino al punto di rottura definitiva per mezzo della serialità dodecafonica di Schönberg. Se il sistema tonale costituisce una vera e propria “società di suoni” regolata da leggi e divieti, nell'ambito della quale risiedono elementi centrali e periferici con funzioni e peso diversi e complementari, l'atonalità schonberghiana fa pensare ad una società liquida, ma solo parzialmente poiché la dodecafonia impone vincoli rigidissimi in nome di una libertà che divora ogni regola. A suo tempo la tecnica compositiva con dodici suoni (quelli della scala cromatica) rappresentò una scoperta copernicana, un vero e proprio cambio di paradigma: con essa si rinunciò al “centro”, le differenze di valore tra note vennero annullate, il peso maggiore o minore di ogni singolo elemento del tessuto musicale divenne transitorio così come in una società globalizzata non esistono punti fermi, tutto si fa fluido, il movimento e l'instabilità si fanno caratteristiche imprescindibili di un “non sistema” che solo in apparenza concede spazio al merito anche se tutto diventa possibile, nel bene come nel male. La genialità di Schönberg fa il paio con quella di Sigmund Freud (entrambi ebrei). Cito quest'ultimo come figura emblematica di un grande cambiamento a suo tempo in atto nel modo di vedere l'uomo: molte certezze vennero meno, il centro gravitazionale della grande tradizione musicale europea andò in crisi, così come entrò in crisi la concezione del bene e del male, e il delinquente divenne la vittima. Nulla fu più come prima. La verità andò contro la verità, ciò che era vero per certi versi divenne incompatibile con la “realtà esterna”, che pure chiedeva tributo. Gli artisti capirono che nulla è più definitivo del provvisorio, così la fatica del creare opere complesse lasciò progressivamente il posto a invenzioni arbitrarie governate da leggi interne, come si trattasse di universi a se stanti, e in effetti lo erano. Cosicché ognuno divenne artista di se stesso. Tutti artisti, nessun artista. Il regno del caos era alle porte, Julian Huxley approdò all'ONU, divenne Direttore dell'UNESCO occupandosi di Educazione, di Scienza e di Cultura. Fu quindi tracciato il perimetro invisibile di una società senza punti fermi. I fantasmi di un ordine nuovo presero corpo negli anni psichedelici e progressivi.

 

                                                                                                    Davide Crociati

 

Senza parole

2 Dicembre 2020

 

Qui sotto 2 libri "molto istruttivi"...

 

Prima e dopo "l'uso". Un bel progresso...

23 Novembre 2020

 

Capre e Cavoli

 

Il modus operandi dei media tradisce la fragilità della loro informazione: proprio mentre sto scrivendo, su Rai 1 stanno mischiando i cosiddetti negazionisti con coloro che a buon diritto sospettano il dolo. Infatti, mentre la gente si ammala e muore di covid, cosa per la quale sarebbe bene prendere tutte le precauzioni, si deve ancora dimostrare che il coronavirus non sia stato prodotto in qualche laboratorio di Wuhan anche a scopo bellico! Questo è un caso in cui non si può essere complottisti e negazionisti allo stesso tempo. Roba da ridere...    (Da.Cr.)

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Davide Crociati Via Sebenico 2/a 47814 Bellaria-Igea Marina