davidecrociatidibellaria
davidecrociatidibellaria

 

                                                               Bellaria Igea Marina, 19 Settembre 2021

 

Quello che non dicono

Facendo ricerca in certe direzioni si trovano notizie interessanti e spesso verificabili. Ma quasi mai ciò che si raccoglie dalle «fonti alternative» coincide con quanto viene normalmente esposto e dichiarato dai mass media, i quali anzi tendono ad omettere le verità scomode al sistema dominante per dare spazio a finte costruzioni facilmente digeribili da chi è abituato a dare troppo credito alla finzione cinematografica che è in grado di suscitare suggestioni con molta facilità e dà ampio spazio alla fantasia di cui, pure, c'è bisogno in un mondo ipertecnologizzato e dominato dagli algoritmi. Oltretutto il cinema, la Tv e gli altri potenti mezzi di divulgazione di informazioni, idee ed emozioni si alimentano a vicenda e spesso sono tra loro minuziosamente raccordati. Lo sono al punto da poter nascondere alle folle una grande quantità di notizie. Parallelamente, e con la stessa efficacia, sono in grado di costruire realtà virtuali dai contorni fantastici e menzogneri, il tutto nella direzione voluta da chi detiene i fili del potere mediatico ed oltre. Nel caso del cinema, strumenti fondamentali sono state e sono tuttora la 20Century Fox (diventata di proprietà della Walt Disney), la Columbia (oggi controllata dalla giapponese Sony), la Warner Bros, la Paramount Pictures, la Metro-Goldwyn Mayer (controllata da Amazon Studios dal 2021), ed altre società similari. A ben vedere hanno tutte qualcosa in comune...

Liturgie televisive e falsi messaggi spesso veicolati da divertimenti stordenti sono invece all'ordine del giorno nell'ampio quadro manipolatorio pressoché di dimensione globale, che comprende personaggi illuminati soltanto dai riflettori, seppur con continuità, e che sono mossi da pensieri e sentimenti oscuri, così come il noto Guénon (filosofo, intellettuale, scrittore ed esoterista francese) sapeva farsi apprezzare dagli ambienti cattolici nonostante la sua conversione «segreta» all'Islam. Un personaggio che mirava a sovrapporsi più che a contrapporsi, in linea con la filosofia della «doppia faccia» tanto cara agli odierni benpensanti, quelli che usano il politically correct come strumento di difesa/offesa contro chi osa avvicinarsi a verità diverse da quelle imposte dal N.W.O.

Dal cinema alla televisione... alla stampa il passo è più breve di quanto si possa immaginare. È persino banale, per esempio, affermare che i giornalisti amino sorvolare su realtà come il potentissimo B'nai B'rith, una delle società segrete di vertice a livello planetario che, come la Pilgrims', conta tantissimi membri e che la misera Wikipedia inquadra superficialmente, descrivendola come una «loggia la cui missione è quella di fare beneficenza verso i poveri». Poi abbiamo la Lucys Trust, o Lucifer Trust, come ci ricorda Wikipedia premurandosi di aggiungere che si tratta di un'associazione no profit. In realtà, si tratta di entità che sovrastano organismi come gli Istituti per gli Affari Internazionali (veri «governi ombra»): il CFR statunitense, il RIIA britannico ...o l'italiano IAI. Organismi che pare abbiano un ruolo prevalentemente esecutivo.

Chi parla mai di queste realtà che condizionano idee e sentimenti a livello mondiale? Certo, inutile chiedere che se ne occupino le emittenti televisive o anche radiofoniche nazionali e internazionali, le quali altro non sono che semplici pedine di un potere enorme, in gran parte sconosciuto. Oltre agli interessi economici che derivano dall'essere asserviti al potere reale, per il resto gioca la paura che muove meccanicamente i tanti burattini dello spettacolo televisivo e i mezzobusto più o meno noti dei Tg. Non se ne parla nonostante organizzazioni private come Bilderberg e Trilaterale siano cinghie di trasmissione del B'nai B'rith e forse di altre entità similari, ossia del potere «reale». Del resto, quando mai gli organi d'informazione «ufficiali» si sono esposti rispetto ad associazioni semi-segrete come il Bilderberg, nell'ambito delle quali si decidono le sorti dei popoli nella più totale riservatezza e in spregio al diritto dei popoli stessi di essere informati su questioni che li riguardano direttamente?

Dal suddetto quadro emerge una sedicente realtà fatta di (pseudo) Pneumatici, Psichici ed Ilici, vere «caste» spirituali la cui interpretazione in chiave gnostica potrebbe far comodo a chi vuole mantenere a qualsiasi costo gli enormi privilegi accumulati, spesso non si sa neppure come. «La stirpe ilica sarebbe straniera sotto ogni aspetto: in quanto è oscurità, al sorgere della luce si scarterà poiché il suo apparire la distrugge, in quanto essa non ha accolto più la sua unità ed è piena di odio verso il signore che si rivela (quale signore?). La stirpe pneumatica riceverà integralmente la salvezza sotto ogni aspetto; mentre la ilica riceverà la perdizione. La stirpe psichica, trovandosi nel mezzo, ha un doppio aspetto a seconda della sua determinazione al bene o al male» (per gli autori gnostici ogni uomo che impara a conoscere se stesso è dio. Un’accezione che, per il credo ortodosso, era - ed è - eresia). Questi passi tratti dai codici «eretici» del DI NAG HAMMADI potrebbero essere interpretati in un'ottica nazista, con individui «superiori» ed altri più/meno «inferiori»?

Eppure se i mass media venissero utilizzati massicciamente per «liberare» la mente e lo spirito dei popoli, molti «Ilici» potrebbero assurgere a gradi spirituali più elevati, così come un percorso di studio è in grado di fare dell'ignorante un dotto pensatore e di un fattorino per necessità un dirigente pubblico.

Certo, se quanto detto appare acquisito e perfino scontato nell'ambito della «normalità», quando si entra in aree di potere dove ai più non è dato penetrare e comprendere è molto più facile manipolare la realtà, restituendola falsificata al «popolino» attraverso tutti i mezzi di comunicazione di massa in mano alle élites mondiali.

Ma non c'è dubbio che i personaggi che si trovano ai vertici della «piramide» sociale abbiano tutto l'interesse a diffondere la filosofia luciferina del «tutto e niente», anti-sovranista, che mira a confondere i contorni fino ad annullarli lasciando le genti in una nuova Babele, quella che va profilandosi da tempo per effetto della globalizzazione, nell'ambito della quale non si tiene in alcun conto il fattore tempo. Come nel caso dell'immigrazione! Si vede che qualche «Pneumatico» un po' stupido non ha saputo (o più facilmente voluto) calcolare gli effetti negativi di una «cura» somministrata con criminale celerità...

Credo invece che i processi di trasformazione antropologica abbiano tempi molto lunghi. E temo che studiare a tavolino i grandi cambiamenti epocali, per poi cercare di porli in atto attraverso pericolose sperimentazioni, non conduca che al caos dalla cui nebbia non è affatto detto emerga qualcosa di buono. La storia insegna. La natura ha i suoi tempi, così come a un bambino non si può chiedere di essere adulto solo perché può far comodo ai genitori o alla società (per poi scoprire che un bambino cresciuto male non fa «comodo» a nessuno). Forzare la natura per strapparle un risultato utile a pochi, saltando i necessari passaggi, equivale a drogare il popolo costringendolo ad assumere «allucinogeni» con serie conseguenze sotto ogni aspetto (poiché tutto è collegato). E, in genere, gli allucinogeni possono causare attacchi di panico e perfino psicosi! E naturalmente i loro effetti includono allucinazioni e l'incapacità di discernere tra fantasia e realtà. Anche dai numerosi fatti di cronaca nera appare evidente che nel tempo in cui viviamo molti «Ilici» e “Psichici”, e persino alcuni “Pneumatici”, non sappiano distinguere la realtà dalla finzione cinematografica e televisiva! Così, i «poteri forti» dopo avere creato le condizioni, dopo aver predisposto il «necessario» brodo di coltura, stanno provando ad avviare un processo di «selezione naturale» di stampo darwiniano, forse perché credono che il mondo sia sovrappopolato. Forse. Tuttavia c'è anche chi ritiene che se al mondo prevalesse un'economia umanistica ci sarebbe abbastanza cibo per tutti e in abbondanza! Grazie a Dio continuano ad esistere punti di vista diversi e la natura stessa suggerisce che esisteranno sempre!

Ma la realtà è cruda: sembra che molto di ciò che succede e che viene poi veicolato in modo subdolo dal cinema, dalle televisioni, dai social, dai libri e spesso dai giornali, venga deciso, tra le mura di lussuosi e selezionati Hotel sparsi per il mondo, da eminenze grigie di cui a volte conosciamo i cognomi altisonanti spesso legati a guerre e a speculazioni distruttive, a strane sperimentazioni e a operazioni geopolitiche finalizzate alla colonizzazione degli Stati «recidivi», ossia contrari all'ideologia iperliberista. Come ci ricorda Francesco Amodeo nel suo «Il DiegO rivoluzionario» a proposito dell'Operazione Condor. Di nuovo ispirandomi alle coraggiose e difficili inchieste giornalistiche di Amodeo, come quella su «La Matrix Europea», vorrei ricordare che i vari Prodi, Draghi, Monti, Letta, Macron, Merkel, Monica Maggioni e tanti altri che poi hanno rivestito cariche importanti a livello politico e dirigenziale venivano (guarda caso) da riunioni del Bilderberg... Ma i tanti Tg, Gr e quotidiani nazionali nulla hanno fatto trapelare di quegli eventi di livello internazionale e di importanza capitale per la sorte dei popoli. Tutto segreto! Come gli omissis nei contratti di BigPharma!

Detto del B'nai B'rith, oggi la Pilgrims' Society vuole mostrarsi come un qualsiasi club, magari mondano, ma in realtà sembra sia costituita da un'unica famiglia di «dominatori» fra loro legati da vincoli di sangue (come nel medioevo?) e formatisi negli stessi college: Oxford, Princeton, Harvard, ecc. Anche questa entità guarda alla “Nuova Era” come a una meta da raggiungere a qualsiasi costo? Ebbene, sembra che tutti i membri della Pilgrims' siano direttori o amministratori di università, college, multinazionali, giornali e fondazioni varie. Come volevasi dimostrare! Negli anni 80 le prime 324 società americane facevano capo a soli 8 gruppi, interamente controllati dalla Pilgrims' Society... Naturalmente potrei continuare, per far comprendere/ricordare che al mondo ci sono nervature di un potere talmente forte e radicato da non lasciare speranza a chi si illude di avere un'informazione libera. Tralasciando sulla forse più nota Fabian Society , vorrei ora spendere due parole su un'altra «entità» cui ho fatto cenno, a quanto pare ben radicata a livello internazionale: la teosofica Lucys Trust, origine, punto di partenza spirituale e cervello occulto del movimento New Age e che qualcuno indica come la fonte dell'informazione «per lo sviluppo dello spirito del mondo» (femminismo, labilità/ambiguità sessuale, religioni deboli, revisione del concetto di «diritto» e altre questioni che oggi ben conosciamo). Della Lucifer Trust sembra abbia fatto parte anche quel Gorbaciov che più di altri ha spalancato le porte al Nuovo Ordine Mondiale. Tra i sostenitori dell'organizzazione si annoverano professori di importanti università americane e personaggi come l'onnipresente Mc Namara, associazioni come l'ancora più onnipresente Fondazione Rockefeller, il gruppo Greenpace International (che dalla Fondazione Rockefeller riceve cospicui sostegni finanziari), Amnesty International e lo stesso ONU il cui vero potere risiede nella facoltà di «legittimazione», ciò che gli permette di esercitare un'influenza sulla politica internazionale e sulla vita dei popoli. Vera bozza del Governo Unico Mondiale, dotato di “Ministeri” come l'OMS, l'UNICEF e quell'UNESCO che in Julian Huxley, fratello di Aldous e noto per i suoi studi finalizzati alla rifondazione della teoria genetica in ambito darwiniano (tutto un programma!) ha visto il suo primo direttore. La Lucys/Lucifer Trust ha sedi a Ginevra, Londra e New York. Veri centri nevralgici del potere internazionale!

Per Giorgio Galli «come l'illuminismo affonda le sue radici nella filosofia massonica, così il nazismo le affonda nel pensiero teosofico e magico ampiamente diffuso in Europa agli inizi del '900»... 

                                                                     Davide Crociati

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Davide Crociati Via Sebenico 2/a 47814 Bellaria-Igea Marina