davidecrociatidibellaria
davidecrociatidibellaria

                                                         Bellaria I.M., 21 Ottobre 2009

 

Riflessione a ruota libera sull'importanza delle "presenze"

 

La sovrabbondanza di "Messaggi" su tanti quotidiani nazionali e locali è la prova tangibile che la par condicio tra classi sociali non è in crisi: se i "potenti" di qualsiasi schieramento politico hanno vizi e virtù, nonché la possibilità di soddisfare le loro proprie "esigenze intime" come meglio credono, anche ai normali cittadini è concesso usufruire di... servizi destinati allo "sfogo di energie eccedenti", per usare il solito eufemismo. Tutto bene, quindi, se non fosse che: (1) troppe donne sono fatte schiave in nome del sesso facile e di guadagni illeciti; (2) anche ai bambini è permesso l'accesso a "strani numeri di cellulare".  Proprio l'altro giorno m'è capitato di osservare un giovane seduto su una panchina con gli occhi fissi sull'ultima pagina d'un quotidiano, quasi fosse in stato di trance. Avvicinatomi un po' ho capito che non stava leggendo di politica o di cultura, né di cronaca nera o di gossip. Era evidente che nel suo stato semi-catatonico stava valutando la possibilità di racimolare qualche soldo, in aggiunta alla "paghetta", allo scopo di provare una nuova emozione, di quelle forti.  Ci sono rimasto male perché in quel momento, una volta di più, mi è apparso estremamente chiaro un aspetto inquietante della realtà odierna.   Se il prof. Sgarbi da un pulpito televisivo domenicale dichiara che "il sesso è bene", andrebbe però precisato che come sempre sarebbe opportuno distinguere. Per fare un esempio banale, la formuletta H2O ci fa pensare a un elemento fondamentale della vita, quindi a una cosa che ci è "amica"; tuttavia ci sono occasioni in cui anche l'acqua può uccidere, così come il fuoco (anch'esso di vitale importanza).  E la riflessione sorge spontanea, per dirla alla Lubrano: certamente il sesso è vita, piacere e sfogo, ma, come il fuoco, oltre che riscaldare può uccidere (non fatemi elencare tutta la serie di guai che una gravidanza indesiderata può causare! Lascio alla Vostra immaginazione). Non ci vuole una grandissima mente per capirlo, come non ci vuole una mente eccezionale per intuire che la crescita d'un essere umano non è immediata e non avviene come per incanto, per un tocco di bacchetta magica. Richiede anzi che vengano rispettati certi tempi, pena una crescita non buona dell'individuo (con tutte le conseguenze del caso, anche a livello sociale).  Come si evince dall'insolita e stravagante premessa, un po' come le parole scritte su giornali importanti, quelle dette dai veri VIP, cioè da coloro che hanno effettivamente cultura e carisma al di sopra della norma, possono incidersi nella mente delle persone "semplici" trovando un contesto cerebrale inadeguato, quindi non in grado di elaborare a sufficienza.   Nei mesi estivi ho girovagato alla ricerca di stimoli culturali, partecipando a un discreto numero di "incontri con l'autore". Inanellando un po' di "coincidenze" ho notato che in molti personaggi noti, nonché amati e "ramati", è in corso un "processo di conversione" che nella maggior parte dei casi ha però connotati molto... laici, per così dire. E come sempre, noi umili del "popolino" ci sentiamo un po' presi in giro, fermo restando che ciascuno è libero d'interpretare le cose come meglio crede. Spero che in futuro l'ottima Manola da Rimini possa offrirci nuove occasioni d'incontro con personaggi di rilievo, magari per scoprire che quelle "conversioni" avranno dato esiti diversi da quelli di carattere puramente ... editoriale e/o discografico. Sempre che non ci sia dietro qualcosa che non viene detto (tipo una strategia anche politica - non voglio scomodare la massoneria - per ridare punti d'appoggio diversi e un po' migliori - forse - ai soliti "bamboccioni").  In quel di Riccione (notte rosa) non mi è dispiaciuto il buon Battiato quando, accortosi che lo stavo seguendo ai bordi della spiaggia facendo per altro la figura del "sorcione" (figuriamoci!), forse impietositosi ha interrotto provvisoriamente la sua marcia libera e piena di tensioni "pre-concerto" facendo qualche passo indietro, per concedermi gentilmente l'autografo di rito. In quel momento mi è sembrato di avere finalmente individuato un "centro di gravità", anche se non permanente, poiché un ragazzo dell'organizzazione in divisa estiva e dalla pelle scura avrebbe potuto allontanarmi, facendomi rimbalzare fuori dal campo gravitazionale di "Bandiera bianca"... Grazie Battiato, il concerto a tratti un po' sbarazzino (direi giustamente, vista la circostanza) è stato suggestivo e giusto ieri ho sentito alla radio che stai riscuotendo un grande successo perfino negli Stati Uniti! E' noto che voi di sinistra vi date tutti del "tu", per cui, nell'occasione, mi adeguo...).  Poi Nada Malanima nel suggestivo parco della "casa rossa" a Bellaria (ma che le ho fatto, mi chiedo, per farla reagire in quel modo così brusco?); Roberto Vecchioni e il simpaticissimo Massimo Fini "orecchie d'elefante", nel gazebo di piazzale Boscovich (porto canale di Rimini); Enrica Bonaccorti a Santarcangelo, affiancata anche "politicamente" dal nuovo sindaco della splendida località romagnola, famosa per il "teatro in piazza"; sempre al piazzale Boscovich, Maria Rita Parsi e i suoi "consigli materni"; quindi, ancora, il freschissimo Marco Missiroli, neo vincitore del "Campiello giovani", che sembra quasi voler portare i ragionamenti a conseguenze estreme, costi quel che costi, sulla scia di Nietzsche (che, come disse qualcuno in anni un po' lontani, è morto assai prima di dio. Per altro conosco benissimo uno degli artefici di "quella frase" contro-rivoluzionaria che fece tanto scalpore da finire sui giornali e che, a quanto si dice, piacque assai poco al bravissimo "Infedele" televisivo...); per non parlare di Alessandro Meluzzi, il quale è più che mai consapevole che c'è in atto  una forte diatriba sociale relativa all'opportunità o meno di dare un consistente "giro di vite" riguardo alle "regole". E a proposito di regole, credo che tutti dovremmo sforzarci di fare distinzione e di separare quelle che possono servire a qualcuno e/o a qualcosa in particolare da quelle che invece sono indubbiamente al servizio della salute mentale e fisica, quindi del bene e del buon senso collettivo: i semafori contribuiscono al corretto funzionamento del traffico, ecc.   Nello spettrale parco dell'ancora più spettrale Villa Panzini, la cosiddetta "casa rossa" (ci troviamo sempre nella cupa Bellaria), è intervenuto anche Oliviero Beha, il quale, dall'inquietante "cattedra illuminata" ha esordito bacchettando gli amorfi spettatori, minacciando di interrogarli egli stesso se nessuno avesse fatto domande (ovviamente sulla situazione politico-culturale del periodo berlusconiano...), poiché a suo dire siamo davvero un bel branco di animelle, forse con qualche ragione (del resto chi non ne ha?). Ma piuttosto che fare riferimento al suo Blog preferisco assumere iniziative personali, magari misere ma sicuramente "appassionate"...   Tutto ciò, ricordando anche la mancata partecipazione agli incontri con l'autore di Turani e Zavoli, e l'intervento a Bellaria del noto "marpione" Mons. Bettazzi, vescovo emerito d'Ivrea, a Rimini del grande Giampaolo Pansa e di Paolo Guzzanti sempre a Bellaria, la cui partecipazione alla rassegna "Pagine sull'Onda" disgraziatamente non ho potuto apprezzare; tutto ciò, dicevo, aspettando qualche personaggio in più appartenente alla destra italiana. Forse, la destra, dovrebbe considerare molto seriamente la possibilità di crearsi un vivaio di artisti e di uomini di cultura per poter "invadere" le riviere estive alla ricerca di consensi, non dico neppure a livello strettamente politico quanto, piuttosto, "culturale". Perché, come si diceva nella prima parte di questa lettera "delirante", le parole dei VIP, quelli veri, si incidono a vari livelli nelle coscienze...

 
                                                           Davide Crociati

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Davide Crociati Via Sebenico 2/a 47814 Bellaria-Igea Marina