davidecrociatidibellaria
davidecrociatidibellaria

                                                                Bellaria Igea Marina, 23 Maqggio 2020

 

Stato e mafia

 

Assistendo con molto interesse a una puntata di Atlantide dedicata a Falcone e Borsellino, o più in generale al rapporto tra Stato e mafia, condotta con rigore e capacità dal giornalista Andrea Purgatori, ho avvertito la necessità di fare una considerazione: se è vero che gli alleati quando sono sbarcati in Sicilia hanno cercato la collaborazione degli uomini delle Istituzioni locali, ossia dei mafiosi insediatisi nei posti di potere (e di controllo); se è vero che la guerra portò tante e tali devastazioni da rendere complicato separare il bianco dal nero se non a rischio di causare ulteriori traumi a una società già malandata; se è vero che dal dopoguerra si è creato un intreccio quasi fisiologico tra mafia e Democrazia Cristiana, entità politica che in Italia ha avuto un ruolo cardine ad ogni livello; non deve stupire che nel corso del secondo Novecento questa matrice politica e sociale si sia sviluppata al punto da rendere “strutturale” la delinquenza organizzata nel nostro Paese. E neanche deve stupire più di tanto che uomini politici di altissimo livello, come Andreotti prima e altri in fasi successive (da “Mani pulite” in poi) si siano trovati loro malgrado a dover navigare in un mare torbido col rischio continuo di finire su qualche scoglio, o per usare un'altra metafora di venire a contatto con radiazioni mortali, soprattutto se l'alternativa era quella di non poter più muovere la nave.

Chi scrive è un grande estimatore di Falcone e Borsellino, come lo sono gran parte dei cittadini italiani, ma un'analisi davvero razionale richiederebbe di separare l'immagine di una nave disastrata e continuamente sollevata da onde a volte gigantesche da quella dei “timonieri” che via via hanno cercato di tenere in assetto il veliero, tra mille difficoltà compresa quella di doversi affidare a qualche pirata imbarcatosi con intenzioni poco chiare. Tempo fa un giornalista radiofonico di cui non ricordo il nome disse: “se la mafia scomparisse di punto in bianco, crollerebbe l'economia della Sicilia”. Certo un'amara considerazione, la stessa che facciamo ogni volta che la cura si rivela più micidiale della.

 

                                                                    Davide Crociati

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Davide Crociati Via Sebenico 2/a 47814 Bellaria-Igea Marina